lupin-romanzi-netflix.jpg
Telefilm

Nell’ombra di Lupin, il personaggio di Maurice Leblanc su Netflix

on
Gennaio 8, 2021

A più di un secolo dalla sua prima avventura, il personaggio Lupin, creato da Maurice Leblanc, è ancora super attivo e viene ricordato in una nuova serie Netflix.

La storia e la lunga carriera di Lupin, il ladro gentiluomo

Chi è veramente questo personaggio di cui tutti conoscono il nome, ma non necessariamente la storia?

Arsène Raoul Lupin, nome originario di Arsenio Lupin, appare per la prima volta nel 1905 sulla rivista “Je sais tout”, in un racconto intitolato “L’Arrestation d’Arsène Lupin” ideato dallo scrittore e giornalista francese Maurice Leblanc che sognava una notorietà più classica e letteraria, alla Maupassant.
Del suo personaggio commenta:

“Questo brigante si è impossessato della mia vita e a volte me ne pento”

Invece all’interno del romanzo, Arsenio, nasce nel 1874, nobile di nascita, commette il primo furto all’età di 6 anni e rapidamente diventa un uomo virtuoso.
Si evolve nella società borghese francese durante la Belle Époque (tra il 1880 e il 1914), la quale diventa l’opportunità di copertura per commettere furti una volta calata la notte.
Nelle notti senza luna, vola sulle ali dei castelli gotici, cammina a grandi passi sui balconi degli edifici Haussmann, lancia corde annodate, scivola lungo le grondaie, accarezza le serrature e apre i forzieri.

La ricetta è semplice:
Si tratta di essere più silenziosi del silenzio, più invisibili della notte“.

L’obiettivo di Lupin è dichiarato: “sgombrare” le abitazioni degli avidi scudieri e impossessarsi dei fondi della borghesia ignorante.
C’è un po’ di Robin Hood in lui: ruba solo ai ricchi.
Nelle prime avventure in particolare, prende di mira quasi sempre persone che si sono arricchite illegalmente o immoralmente.
Collane, braccialetti, soprammobili, ma anche dipinti di maestri, poltrone e arazzi costituiscono il suo bottino.
Non accumula mai, seleziona: non prende le pietre più grandi ma le più belle e, ad un aristocratico infastidito, rivolge questa piccola nota beffarda:

Arsène Lupin, gentiluomo ladro, tornerà quando i mobili saranno autentici“.

Mette in ridicolo non solo la borghesia ma anche la polizia.
Una doppia vita pericolosa, priva di violenza. I furti e altri misfatti sono commessi con eleganza e intelligenza. Attua la scienza del travestimento: i cambiamenti nella fisionomia, le sue molteplici identità contrastano i metodi scientifici di una forza di polizia orgogliosa della modernità.
L’evoluzione del personaggio, passa da anarchico a nazionalista, seguendo il percorso di pensiero del suo autore, Maurice Leblanc.
Durante la prima guerra mondiale (1914-18), i tedeschi vengono descritti come grossi bruti, a differenza dei Francesi, molto più raffinati.

Tutti ammirano e temono questo re dei ladri, cavalleresco, elegante, cortese, galante, un gentiluomo ogni giorno sempre più ambizioso e avido di potere con un solo punto debole: le donne.
Con le signore diventa un cavaliere impenitente e seduttore di alto livello.

Arsenio Lupin il ladro popolare in onda su Netflix

Arsène Lupin è diventato un vero riferimento nella cultura popolare francese e internazionale, con 18 romanzi, 39 racconti, opere teatrali, film e persino … manga!
Il cinema se ne è impadronito sin dal suo inizio, le serie televisive l’hanno reso famoso e i lettori continuano a divertirsi con le sue avventure.

In un contesto sociale teso, in cui si ha l’impressione che i ricchi non siano mai stati così ricchi e i poveri così poveri, il ritorno in primo piano del personaggio può essere rilevante. Netflix, a partire da venerdì 8 gennaio, propone la nuova serie dal titolo originale “In the Shadow of Arsene“, composta da cinque episodi.

La serie “Lupin – nell’ombra di Lupin“, racconta in flashback la storia di Assane Diop (interpretato da Omar Sy), un bambino francese di seconda generazione che ama leggere le avventure di Lupin, il ladro gentiluomo.
Ispirandosi ai metodi del suo eroe, vuole correggere una vecchia ingiustizia: restituire l’onore a suo padre, morto suicida in prigione per un furto non commesso.
L’eroe di oggi non ha superpoteri, tranne quello di “andare ovunque” grazie alla sua invisibilità sociale, in quanto uomo di colore, Assane è invisibile.

Qualcosa mi dice che le vendite dei romanzi di Maurice Leblanc aumenteranno.

Trailer Netflix di Lupin

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT

BOOKTERAPIA
Italy

Ciao e benvenuta/o! Voglio condividere con te le mie letture, ma soprattutto dirti che la lettura è uno strumento per migliorare la vita. Segui me e il mio fedele ebook per scoprire il grande potere della lettura!

Facebook Bookterapia
Archivi
Faceboo Artrite reumatoide il nostro cammino