copertina del libro Murakami Haruki - L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio
Libri

Murakami Haruki – L’incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio

on
Giugno 26, 2018

Quando si è amici del cuore a nessuno viene pensato al tradimento di una amicizia.

A Tokyo 5 ragazzi, 3 maschi e 3 femmine, compagni di liceo, dal primo anno avevano formato un gruppo affiatato, si parlavano a cuore aperto, condividevano speranze e paure.

Ao lo sportivo superficiale, Aka l’intellettuale dal cervello sopraffino, Shiro l’adorabile bambolina, Kuro la prima donna spiritosa, Tsukuru Tazaki era il ragazzo carino che ispirava simpatia, sempre impeccabile, ben vestito, educato, non parlava a vanvera e si sentiva una persona insignificante.

Finite le scuole ognuno proseguiva con il proprio corso di studi e l’unico a cambiare città è Tazaki Tsukuru.

Iniziava una vita nuova a Nagoya.

Dal mese di luglio del suo secondo anno di università per 6 mesi aveva vissuto con un solo pensiero in testa: morire. Nel frattempo aveva compiuto 20 anni ed ancora oggi non riusciva a capire quale fosse la ragione che all’epoca l’aveva portato ad un passo dalla morte.

In realtà sapeva bene che il motivo scatenante erano stati i suoi amici più intimi. Un giorno gli avevano annunciato di non volerlo più vedere, nè sentire. Di punto in bianco, senza lasciare nessuna spiegazione, nè lui ha mai osato chiedere. La distanza dai suoi amici gli causava un dolore acuto, l’isolamento e la solitudine.

All’età di 36 anni, è laureato in ingegneria, progetta stazioni ferroviarie nel territorio occidentale del Kanto.

E’ rimasto ancora poco loquace e poco socievole ma sa adattarsi bene a tutte le circostanze.

Del suo periodo brutto non ne ha mai parlato con nessuno, ma quando conosce Sara, quell’argomento spunta fuori da solo. Sara ascolta attentamente e percepisce che nella sua mente o nel suo cuore quella ferita è ancora aperta.

Lo spinge a risolvere l’enigma, a tentare di capire la ragione per cui i suoi amici hanno sentito il bisogno di rompere con lui in modo categorico. Sente che nel suo cuore c’è un problema, qualcosa di irrisolto con radici profonde ed è venuto il momento di affrontare il passato a viso aperto.

Iniziamo a vivere davvero soltanto quando iniziamo a morire un pò.

 

L’incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio,  Murakami Haruki breve come commento. Come superare un tradimento di una amicizia.

Come indica il titolo, la narrazione del romanzo consiste in un pellegrinaggio in cui il protagonista deve comprendere il suo passato ed a sua volta il presente ed il futuro. Come nel lavoro che fa, le stazioni centri delle reti di trasporto e comunicazioni hanno bisogno di manutenzione. Ora è lui ad averne bisogno. Deve imparare a ricreare e ricostruire. La sua stazione non è pronta per essere demolita, ha solo bisogno di essere ristrutturata. Deve costruire un senso di sé, introdurlo e ripristinarlo per migliorare i difetti che non riescono ad accogliere la realtà in cui risiede. Se riuscirà a fare questo, sarà in grado di affrontare le sfide della vita in modo più efficace.

Dietro alla storia, in apparenza triste, penso che Murakami voglia faci vedere un lato diverso della felicità. Non necessariamente fatta di ricchezza materiale ma spirituale, un modo diverso di guardare la vita.

Romanzo silenzioso e introspettivo dalla trama intrigante ed enigmistica composta di musica, colore, amici, solitudine, filosofia, creazione e morte.

Informazioni:
– Editore: Einaudi
– Pagine: 260
– Giudizio personale: ****/*****

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT

BOOKTERAPIA
Italy

Ciao e benvenuta/o! Voglio condividere con te le mie letture, ma soprattutto dirti che la lettura è uno strumento per migliorare la vita. Segui me e il mio fedele ebook per scoprire il grande potere della lettura!

Facebook Bookterapia
Archivi
Faceboo Artrite reumatoide il nostro cammino